domenica 18 dicembre 2011

RITORNO

La farina
é impastata
tra uova ricche di vita,
aranci e fremente lievito.
Il mestolo nel giro
segna il ritmo del tempo.

Sull'uscio del portone,
la madre attende;
invade il cortile
quel profumo di pasta.
Chiama e scalda
i cuori dei figli
in ritorno dalla guerra.
La pancia in alto,
gli occhi fissi
a leggere l'orizzonte.

Presto,
nelle feste maestre,
la casa sarà nuova
decorata
di voci profumi tepore.
Sotto il mantello
i vincitori porteranno
in dono gioielli parlanti
per illuminare il presepe.

Mescolati ai momenti
di sogno di ieri,
torneranno come i canditi
sul dolce familiare.
Presto,
genitori saranno orgoglio,
figli di nuovo bambini.

Manuel Franceschetti Valeri Coloniale
a Enzina.

2 commenti:

  1. A me viene solo da piangere!
    Tu mi fai piangere!

    RispondiElimina
  2. Non volevo farti piangere!
    su fai un bel sorriso :-)

    RispondiElimina